Passa ai contenuti principali

CV


Il mio gatto Achille ed io. :)
Salve a tutti! 

sono Nadia Scarnecchia, nata a Torino nel marzo 1977.

Sono appassionata di tematiche educative, non solo come strumento di crescita individuale, ma come opportunità per costruire una società migliore.

Nella vita, oltre ad occuparmi di educazione, sono mamma di Giulia, moglie di Michele, pratico fitwalking e yoga e mi prendo cura di un micione nero di nome Achille.
 


FORMAZIONE:
_Laurea in scienze dell'educazione, classe 18 (indirizzo educatore socio-culturale per i servizi educativi e culturali, c/o la facoltà di Torino) con tesi in pedagogia sperimentale: "La teoria della modificabilità cognitiva strutturale secondo Reuven Feuerstein" (106/110);
_ Maturità scientifica, presso il Liceo E. Majorana di Torino;
_ Abilitata all'applicazione del metodo  Feuerstein per il potenziamento cognitivo, livelli: PAS I, PAS II, PAS III, PAS BASIC I e II, totale ore di formazione: 200), valutatrice L.P.A.D. I livello (valutazione dinamica per il potenziale di apprendimento, ore di formazione: 90);
_ Formata al programma Bright Start di Haywood per l'educazione cognitiva di bambini di età prescolare (ore di formazione: 28).


Ho arricchito la mia formazione frequentando i seguenti corsi

- Leggere il disegno infantile come specchio dell'identità e dello sviluppo del bambino, (A.I.M.C. e Cpl Rivoli), c/o I.C.Alpignano (Torino), 2018 _ in formazione_
- Corso di Primo Soccorso: 4 ore ( Croce Verde,Torino, 04/10/2014
- Strategie d'intervento sull'autismo (40 ore), c/o Associaz. Autismo e Società, Torino, prof. Lucio Moderato (aprile - novembre 2012) 
 - Giocare con la mente, I livello: 20 ore (Mediation Arrca, To 2006)
- Giocare insieme per imparare a giocare, II livello: 16 ore (Mediation Arrca, To 2006)



 Ho seguito i seguenti convegni:

- Sotto ogni comportamento c'è un corpo: aspetti biomedici nei disturbi dello spettro autistico. (Autismo e società, Onlus.  2017, 8 ore, Torino) 
- Autismi. Dai bambini agli adulti. Dalla famiglia alla società. 22 e 23 novembre 2010 (Erickson, Riva del Garda, Trento, 2010)
- Difficoltà di apprendimento e scuola: 8 ore  (Giunti e dip. Psicologia dell'Università di Torino, To 2010)
- Genitori in transizione (ONIG, To)
- La nascita della mente: 8 ore (Mediation Arrca, To 2006).
- Le parole tra noi leggere: 12 ore (Dislessia, in coll. con AID, To)


I seminari frequentati:

- Educattori: tecniche teatrali e lavoro educativo. (coop. Orfeo, TO)
- Il pensiero creativo e le sue forme di espressione. (Ass. Vivacemente Insieme, To)

Articoli:

"BabyFriendly: per una città amica dei bambini e delle famiglie", Education 2.0 www.educationduepuntozero.it, 04/05/2012  

Fiabe - filastrocche:  

"Rosa CuorDi Petalo ed il mondo delle piccole cose" (fiaba con cui ho partecipato alla 45° edizione del Premio Andersen, Sestri Levante, 9 giugno 2012), "Ascolto parole" www.tiraccontounafiaba.it

Esperienze:

in ambito lavorativo ho preso parte a progetti educativi orientati alla prevenzione del disagio e al mantenimento dell'agio, presso alcune scuole elementari di Torino e presso un doposcuola aperto anche ai ragazzi della scuola media. Ho lavorato con bambini con disturbi pervasivi dello sviluppo, disturbi compotamentali e provenienti da situazioni sociali a rischio. Ho maturato alcune esperienze con bimbi piccoli presso l'asilo nido e il baby parking. Ho realizzato un progetto di potenziamento cognitivo (con strumenti Feuerstein)  presso la scuola secondaria di secondo grado. 
Sostengo bambini e ragazzi con difficoltà d'apprendimento di differente natura mediante percorsi di potenziamento cognitivo con Metodo Feuerstein e accompagno i ragazzi nello studio pomeridiano e nei compiti per le vacanze con modalità metacognitiva,  attuando interventi di rete con le figure educative/sanitarie di riferimento allo scopo di costruire un ambiente modificante.


Come potete vedere curo questo blog con passione. A questo blog è legato l'omonimo gruppo FB:


"Nell'educazione un tesoro" stesso titolo del Rapporto all'Unesco della Commissione Internazionale sull'Educazione per il XXI secolo, presieduta da J. Delors. L'obiettivo è quello di affrontare molteplici temi educativi, diffondere occasioni di formazione, di riflessione, creando una sorta di "Piazza virtuale".


Chi sono nella vita....

Nadia in mappa!  
(Clickate sull'immagine per ingrandire)

...ecco, vi presento la mia Giulia 17/02/2014!!! <3

 




Commenti

Post popolari in questo blog

"Cortocircuiti emozionali." Spiegati dalla dottoressa Daniela Lucangeli

Condivido questo meraviglioso video, in cui la Professoressa Daniela Lucangeli, spiega i cortocircuiti emozionali, perchè nel mio piccolo credo profondamente nella "scienza servizievole".

Sin da bambina ho sempre amato imparare, ogni nuovo apprendimento mi pareva la conquista di una ricchezza, un tesoro, ma l'ansia, la paura  per me son sempre state in agguato e quindi fino al giorno della tesi (e ne porto i segni ancora ora), ho sempre studiato con la paura di sbagliare, col timore di non essere all'altezza e le mie emozioni mi hanno spesso portato verso l'evitamento o la fuga dal compito.

Proprio per questa ragione invito tutti gli educatori (che siano professionisti del settore o genitori, nonni) ad ascoltare quanto ci insegnano le neuroscienze e l'epigenetica e a sforzarsi di comprendere quanto sia importante trasmettere emozioni positive al bambino che apprende, insegnare a non temere l'errore, ma a considerarlo un punto di partenza per fare meglio …

Le cornicette.

Ricordo ancora con piacere quando al termine dell'esercizio decoravo la pagina con una bella cornicetta, al tempo per me disegnare cornicette era semplicemente un atto divertente, creativo e rilassante.
In realtà tracciare cornicette per un bambino che sta terminando la scuola materna o che frequenta i primi anni della scuola elementare, può essere una risorsa per allenare non solo la creatività, ma per affinare la coordinazione mano occhio e alcuni aspetti cognitivi.
Vediamo insieme come mai la cornicetta è una risorsa...


Per riprodurre una bella cornicetta, bisogna imparare ad osservare bene il modello: esplorarlo sistematicamente, identificarne la forma e le caratteristiche. Quindi è necessario riprodurre il modello, ma a questo fine si deve prima organizzare lo spazio (ossia i quadretti necessari), pianificare, comprendere quante righe tracciare, che orientamento dare alle righe (orizzontale, verticale, obliquo), individuare se si tratta di linee dritte o curve. La cornicetta…

Cosa fa un educatore socio-culturale?

Vorrei condividere con tutti i lettori quest'interessante spiegazione concernente la professione dell'educatore socio-culturale (tratta da: Atlante delle professioni _ Informalavoro, Torino. http://www.comune.torino.it/lavoro/num18_10/06.htm), perchè dal confronto con colleghi, abbiamo inteso che non è chiaro per molti, quale sia il nostro ruolo e  in che ambito possiamo lavorare. 
E' una professione che consente di mettersi in gioco, di crescere, di scoprire proprie mancanze, molto gratificante e certe volte difficile. Una PROFESSIONE a tutti gli effetti.

Continua la presentazione delle schede dei profili professionali descritte nell'Atlante delle Professioni
Chi è?L’educatore socio-culturale promuove la crescita personale, l’inserimento e la partecipazione sociale, accompagna i gruppi, le comunità e le singole persone a sviluppare le potenzialità ludiche, culturali, espressive e relazionali. Tra gli aspetti caratterizzanti la sua attività vi sono: l’ideazion…